La mia luce nella notte, Anna

La Luce nella notte sabato sera a Campobasso ha lasciato un segno indelebile dentro di me.

Gli occhi di Maria, una ragazza adolescente conosciuta su una panchina, insieme ai suoi due amici durante il momento di evangelizzazione di strada.

Io, Ester e Marta ci presentiamo e li invitiamo ad entrare con noi in chiesa per vivere l’esperienza di luce nella notte

All’inizio loro rifiutano e dicono di essere lontano dalla Chiesa. In particolare Maria dice di essere atea e sembra non credere più nei sogni e nella bellezza della vita.

Dopo una breve testimonianza in cui Ester racconta di come la sua vita era cambiata proprio grazie a Luce nella notte, decidono di seguirci in chiesa.

Appena entriamo Ester accompagna Maria all’altare.
Quest’ultima scrive su un foglietto la propria domanda a Gesù e poi pesca da un cestino la Parola del Vangelo.

Dopo aver fatto questo la vedo correre verso i suoi due amici, che erano rimasti seduti più in fondo, ed esclama a gran voce e con grande gioia ‘mi ha risposto, mi ha risposto’ e mostra loro il bigliettino con la Parola di Dio.

Rivolgendosi sempre a loro continua dicendo ‘venite, vi accompagno io  all’altare da Gesù’.

Ho visto i suoi occhi brillare di una Luce intensa e profonda.
Ho visto riaccendersi in lei la voglia e la gioia di vivere.

Non so perché Dio abbia scelto me per assistere a un miracolo del genere.
Tutto ciò che posso fare è ringraziarlo e far in modo che non sia stato vano, permettendo a questo momento, come a tanti altri doni di Dio per me, di cambiarmi radicalmente la vita, in modo che io possa essere strumento di Dio per chi ancora non ha incontrato il Suo Amore e trasmettere la Sua Pace e la Sua Gioia a quante più persone possibile.

Anna

La mia luce nella notte, Anna
Torna su