Un pellegrinaggio speciale, una voce di speranza: l’incontro con Papa Francesco

La mattina sono partita appesantita, satura di tensioni, mille impegni, distrazioni e ostacoli delle settimane precedenti, con giorni davvero frenetici. Tuttavia dentro di me c’era una piccola luce, una fiamma, non so, forse di gioia o semplicemente di curiosità che mi ha accompagnato per tutto il tempo del viaggio in pullman, fino all’incontro con Papa Francesco; dove questa piccola fiamma è diventata un fuoco ardente, alimentato dai tanti messaggi di speranza. Forse è stata proprio la speranza che mi ha dato la carica per affrontare un viaggio ricco di momenti, dai più difficili ai più entusiasmanti. All’andata, dentro ognuno di noi, percepivo un entusiasmo, in realtà opaco, oscurato da molti dubbi, incertezze e anche un po’ di agitazione. Sguardi assonnati e distratti, quelli di noi giovani, desiderosi di ritornare alla normalità, iniziando dai viaggi, essendo stati bloccati per due anni in un muro di paure e preoccupazioni. Appena arrivati, Roma ci è sembrata un altro posto, sicuramente più distante dalla nostra realtà. La metropolitana, il traffico, il sole alto e cocente, ecco i primi momenti di disorientamento e confusione…

Quando finalmente siamo entrati a piazza San Pietro, dentro di noi e sui nostri volti si potevano leggere, da una parte, parole come stanchezza, caldo, impazienza e confusione, dall’altra parte, grande accoglienza, libertà, entusiasmo, energia e gioia pura. In quella piazza, 80 mila giovani hanno accolto questo invito e hanno deciso di esserci, facendo anche qualche sacrificio, per fare l’incontro più atteso di sempre: l’incontro con Papa Francesco. 80 mila giovani, tutti diversi tra loro e con storie diverse, desideravano una ripartenza dopo due anni di solitudine e di buio. Il lungo momento di attesa finalmente finì; tutte le nostre preoccupazioni svanivano semplicemente osservando l’entusiasmo e quello sguardo gioioso e rassicurante del Papa che sicuramente noi tutti ricorderemo per tutta la vita. 

Giorgia

Un pellegrinaggio speciale, una voce di speranza: l’incontro con Papa Francesco
Torna su